Comune di Pollica barra intestazione
Acciaroli
La Torre del Caleo
La Torre Normanna
Torre Normanna

La costa del Cilento, storicamente molte volte attaccata e depredata da mare, a partire dal periodo normanno, si andò dotando di un complesso sistema difensivo che da Agropoli si articolava fino a Sapri.
Vennero complessivamente erette 58 torri sulla costa, mentre in punti strategici dell’interno, a sorveglianza delle principali vie di comunicazione, si elevarono roccaforti comunicanti con esse.
La torre compare nelle carte antiche con la denominazione di bastione o anche torre di Cannicchio, in quanto ricadeva sotto giurisdizione di quel feudo.
Già nel 1223 la Torre Normanna fu inserita dall'imperatore Federico II fra le torri di guardia del litorale e gli Spagnoli in seguito, la utilizzarono nel loro sistema difensivo costiero, unitamente a quella del Caléo.
Negli anni ‘60 la torre è stata acquistata e successivamente ristrutturata dalla famiglia Schiavo.

Torre del Caleo

La robusta costruzione del Caléo sorge appena fuori dal centro abitato di Acciaroli, in direzione Pioppi.
La fabbrica, ormai in rovina, fu costruita intorno al 1520-25, per volere del signore di Cannicchio e storicamente seguì le vicende della Torre Normanna di Acciaroli.
Entrambe furono inserite nel sistema difensivo ideato dagli Spagnoli nel XVI secolo.

« Indietro :: Pagina 3/3 :: Avanti »